L’alimentazione del gatto : introduzione

This post is also available in : Inglese Francese Tedesco

Due settimane fa, Claire ha seguito una formazione a proposito dell’alimentazione del gatto. Questa formazione era di nuovo data da Philippe Bocion, veterinario comportementaliste.

Nutrire correttamente un gatto, questo sembra talmente semplice, e tuttavia può essere talmente complicato !
What's for dinner ?
Il gatto è un carnivoro rigoroso. Ha bisogno di molte proteine, di lipidi, e di molto poco (quasi non) di glucidi. Bisogna sapere che il gatto utilizza prima le sue proteine per produrre l’energia di cui ha bisogno, mentre gli uomini utilizzano prima i glucidi per esempio, poi i lipidi.

Parecchi nutrimenti di cui il gatto ha bisogno si trovano unicamente negli alimenti di origine animale, alimenti che hanno una digeribilità e dei valori biologici ottimali per lui. Questi nutrimenti essenziali (elenco in inglese) devono essere portati dall’alimentazione in quantità ed in proporzione adeguata secondo il sesso, l’età, l’attività, e la salute del gatto.

Come l’etichetta leggere di un cibo commerciale ?

etichetta

analyse

  1. Verificare che si tratta bene di un alimento completo.
  2. Preferire un alimento che presenta individualmente gli ingredienti (pollo, grasso di maiale,…)
  3. Preferire un alimento di cui le sorgenti di nutrimenti sono animali piuttosto che vegetali.
  4. Preferire un alimento di cui le note aggiuntive sono naturali piuttosto che sintetici.
  5. Non guardare il prezzo al chilo dell’alimento, ma calcolare il prezzo di una razione quotidiana per il vostro gatto.

Tanto la mancanza che l’eccesso di un nutrimento è estremamente nefasto a breve, mezzo, o lungo termine !

I danni sull’organismo si vedono già dopo alcune settimane, o al contrario, si dichiarano dopo parecchi anni, e sono spesso irreversibili.

Come la maggioranza dei nostri pasti è fatta casa (raw feeding), Claire era estremamente attenta.. e lei ha fatto bene : ha scoperto che la nostra razione di calcio era un poco insufficiente, e che questo fatto, il ratio calcio / fosforo della nostra alimentazione non era ottimale. Fortunatamente, la differenza restava in una zona “acceptable”, ma è qualche cosa che ha corretto per garantire la nostra buona salute sul lungo termine subito : utilizza un supplemento ad aggiungere alla carne sola per uno dei nostri pasti adesso, e ha aumentato leggermente la proporzione di osso negli altri.

Ve ne diremo più sull’equilibrio alimentare in un prossimo articolo !

Avete partecipato a nostro concorso ?

2 pensieri su “L’alimentazione del gatto : introduzione

  1. frimousse

    Un messaggio di mio Padrone :
    Buongiorno!
    I genitori hanno di abitudine (!) alcuni mesi per riflettere al modo di cui nutriranno il loro bambino – e provare a dare delle domestiche abitudini al loro bambino: non troppo zucchero, non troppi grassi, non troppo sale e molte verdure.
    Certamente alcune persone hanno il tempo prima di decidere di avere un gatto – o un cane. Per dargli delle domestiche abitudini fin dall’inizio della loro vita comune.
    Ma alcuni gatti spuntano così nella vita e la casa delle persone e devono essere nutriti subito! La domanda non è “Che genere del cibo andiamo a darcelo?” Ma piuttosto “Andiamo a custodire l’intruso?”
    Il gatto siamese che è entrato nella nostra vita 17 anni fa, Minou, era affamato veramente. Il suo primo pasto con noi è stato del pane Ed egli ha mangiato al primo colpo una fetta.
    Minou; http: / / idata.over-blog.com/2/10/83/90/minou
    Proviamo ad alimentare tanto bene di quanto noi possiamo Frimousse e RouXy. Ma avendo rispettivamente 17 e 16 anni, è molto difficile, addirittura impossibile, cambiare la loro alimentazione.
    Ogni lettore dovrebbe dire ai amici ed ai vicini, augurando prendere un gatto, di leggere attentamente i posts di Claire.

    Volete scusare i numerosi errori di lingua. Grazie per la vostra indulgenza.

    Rispondi
  2. The Swiss Cats

    Tuoi addomesticati hanno avuto perfettamente ragione con Minou : il più importante è che il gatto non resta senza mangiare. E dopo, quando non si è più in situazione di emergenza, si fa in modo che mangia correttamente. Avete 16 e 17 anni, è già un verde età, e per arrivare, bisogna avere mangiato delle buone cose ! Fusa

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.