Archivi tag: Casa

Un molto bel locale

Ricordatesivi, al mese di agosto, abbiamo sostituito la nostra vecchia caldaia a nafta per una bella caldaia a gas tutta nuovo.

La cisterna a nafta si trovava in un locale dentro alla casa, ed egli è stato svuotato dunque. Claire e Momo hanno deciso di utilizzare questo piccolo locale per mettere le riserve ed un congelatore : fino ad adesso, si erano districati al di sotto col minuscolo scompartimento di congelamento il frigorifero, ma era un poco piccolo. Abbiamo bisogno di un piano completo per noi, e nostri addomesticati avevano solamente un piano per essi.

Momo ha preso i suoi attrezzi dunque, ed egli ha isolato i muri ed il suolo del locale. Ha fatto due aperture nella porta per mettere delle griglie di aerazione perché non ci sono finestre, ha posto della pavimentazione, poi ridipinta la porta, i muri ed il tubo di riscaldamento.

Dal suo incidente, è più lento e si stanchi più rapidamente, i lavori hanno preso più di tempo dunque, ma siamo fantastici fieri di nostro addomesticato e del risultato !

E si sembra che ci sarà un cassetto intero del nuovo congelatore solo per noi !

Come occupare il suo gatto e migliorare il suo benessere : come aumentare lo spazio a disposizione del vostro gatto ?

Ha l’ultima partita di ciò che vogliamo dividere con voi dopo la formazione seguita da Claire due settimane fa (parte 1 : come mettere del cibo a disposizione di un modo che aumenta il livello di occupazione del gatto ? ; parte 2 : quali giochi ed attività proporre al vostro gatto ?).

Secondo un studio di Bonnie Beaver (Felino Behavior,2003) il tempo approssimativo dedicato a differenti occupazioni per un gatto in libertà è il successivo : dormire 9 ore, riposarsi 4-5 ore, lavarsi 3-4 ore, cacciare 4 à 9 ore, spostarsi e nutrirsi 1 ora, altre occupazioni (gioco, marchiatura, eliminazione,…) 1 ora. Numerosi gatti di appartamenti sono sottoccupati e passano le loro giornate a dormire per passare il tempo.

Come aumentare lo spazio a disposizione del vostro gatto ?

In un appartamento, lo spazio a disposizione è 10 a 50 volte più piccole che lo spazio che un gatto occuperebbe nella natura. Bisogna aumentarlo al massimo utilizzando lo spazio verticale a differenti luoghi della casa, moltiplicando le aree in altezza accessibile per il gatto così come le stazioni di osservazione sull’esterno, dunque.
Pixie on the ladder
Potete fare adattandolo il vostro mobilio che esiste : cime di mensole o di armadio liberate, mobili vicino alle finestre, mensole murali riservate al vostro gatto, …

Potete investire anche in uno o parecchi alberi per gatti posto ai luoghi dove ci ha qualche cosa di interessante da osservare.
Zorro on the cat tree
Un gatto vecchio o in soprappeso avrà bisogno di pianerottoli supplementari, una ringhiera, o una scala per accedere ai differenti punti in altezza, ma sarà molto felici di potere farlo grazie a queste pianificazioni.

Un accesso libero ad un contorno di finestra, o ancora più meglio, ad un terrazzo o un balcone, è tanto ideale, purché la finestra o il balcone siano sicurezzato.
Pixie acrobate

  • No, il gatto non ha un senso rifinisce dell’equilibrio.
  • Sì, rischia di fare una caduta, anche se è abile.
  • No, un gatto non esce sempre indenne di una caduta : è in stato di shock, può fratturarsi i membri, ma può soffrire soprattutto talvolta di lesioni interni fatali : emorragia, frattura dell’osso del palazzo (fessura palatina), pneumothorax, rottura della vescica, rottura del diaframma, compressione del cuore e dei polmoni, …

È fortemente raccomandato installare dunque o di fare installare un rete anti-cadute.

Noi, siamo al paradiso : abbiamo una casa concepita per noi, ed un giardino sicurezzato. Se volete delle idee, “Catification” di Jackson Galaxy (in inglese) è il libro preferito di Claire : è illustrato abbondantemente, e presente una folla di idee facilmente realizzabili per gattificare la vostra casa.
cover Catification by Jackson Galaxy
Potete trovare anche di altre idee qui qui se amate Ikea.

Che cos’è un gatto ?

Claire ha seguito sabato una formazione data da Colette Pillonel, veterinario comportementaliste, ed organizzata per Philippe Bocion, anche veterinario comportementaliste. Chi è il gatto ? Da dove viene ? Come vive ? Quali sono i suoi bisogni ? Perché ?

Era appassionante ! Ha alcuni punti di questa presentazione in breve :

Albero genealogico

I carnivori attuali (lupo, cane, volpe, gatto, tigre, lince, orso, lontra, donnola, tasso, topolino-lavatore, genette, civette, iena, …) hanno tutti un lontano antenato comune : il Miacidae, piccolo carnivoro primitivo che viveva ci sono 60 milioni di anni. Incredibile, vero ?
I primi gatti selvaggi, antenati del gatto domestico, appaiono ci sono 2 milioni di anni.
Il gatto “domestico” appare 10’000 anni fa ; il suo antenato è il gatto selvaggio dell’Africa. Sembrerebbe che il gatto si sia addomesticato solo, e che l’umano e gli abbiano trovato un beneficio reciproco a questa coabitazione.

Domesticazione

Questo processo implica una detenzione controllata, l’allevamento, la soppressione o la padronanza di certi comportamenti considerati come indesiderabili (fuga o aggressività), il controllo dei comportamenti sessuali, l’addestramento, la possibilità di manipolare l’animale, di comunicare con lui, e la padronanza della sua forza.
Non rispondiamo a tutti questi criteri, e tutti i gatti domestici non sono allo stesso stadio di questo processo : il 15% di essi sono anche resistenti ad ogni manipolazione : il gatto selvaggio non è lontano !
I gatti di razza (eccetto gli incroci sperimentali recenti coi felini selvaggi, vietati in Svizzera) sono spesso più meglio addomesticati che i loro cugini randagi, poiché gli allevatori li selezionano “migliore” individui per riprodursisi.
the wildcat is not far

Anatomia

Siamo buoni più ad alto rendimento degli uomini : vediamo di giorno come notte, percepiamo gli ultrasuoni, il nostro odorato è 14x più evoluto, il nostro senso dell’equilibrio è ottimo ad alto rendimento (salvo quando dormiamo), i nostri peli tattili sono sensibili all’inferiore soffio di aria, e noi comunichiamo per messaggi chimici (feromone).

Bisogni

Cacciare, giocare, arrampicarsi, mangiare, bere, eliminare, fare il suo bagno, dormire : ciò sembra semplice, non ü vero ? La Protezione Svizzera degli Animali vi dà dei dettagli qui.
Un gatto può essere perfettamente felice in appartamento, per quanto il suo ambiente naturale risponda a TUTTI i suoi bisogni. Bisogna adattare l’ambiente naturale al gatto dunque, e non l’inverso…
it is thus necessary to adapt the environment to the cat, and not the opposite

Società

Il gatto è un solitario che può essere socievole. Non c’è veramente gerarchia dai gatti, ma piuttosto un certo senso dell’opportunità : quello che arriva in primo, che è posto più alto, che si trova al migliore luogo, o ancora che saprà essere più curioso in una circostanza data avrà il vantaggio.

Territorio ed orario

Il gatto è territoriale, e segue un’organizzazione del tempo ritualizzata. Ogni parte del suo territorio ha una funzione molto particolare ; ciò dipende anche dal momento della giornata. Ogni modifica della sua organizzazione spaziale o temporale è in generale molto stressante per il gatto.

Buono da sapersi

I comportamenti indesiderabili appaiono quando i bisogni del gatto non sono rispettati. Se tutti i futuri proprietari di gatto si informavano in dettaglio sui nostri bisogni, e sui differenti modi di rispondere, non ci sarebbero quasi più di gatti abbandonati…
home sweet home